La Filiera

LA FILIERA PRODUTTIVA

 Le Cave:

  • Per l’estrazione di materiale lavico per la frantumazione finalizzato alla produzione di inerti per il confezionamento del calcestruzzo.
  • Per l’estrazione di blocchi ornamentali.

Le Segherie

  • Per la trasformazione dei blocchi in lastre e/o filagne.

I Laboratori:

  • Per la trasformazione delle lastre e delle filagne in manufatti finiti, per il settore dell’edilizia e per altri settori industriali.

I Laboratori:

  • Per la maiolicatura della pietra lavica, finalizzata alla produzione di manufatti per l’industria dell’Arredamento, dell’Oggettistica, del Fuoco e della Bigiotteria.

Le Industrie:

  • Per la produzione di manufatti in cotto per l’edilizia, realizzati con argille locali e sabbie vulcaniche.

Le Officine:

  • Per la fabbricazione di utensili diamantati per la segagione dei materiali lapidei e per successive lavorazioni di finitura.

Le Officine:

  • Per la fabbricazione di macchinari ed impianti per la lavorazione della pietra lavica e dei materiali lapidei in generale.

 La produzione lapidea nel distretto Etneo è costituita, in gran parte, da blocchi di basalto caratterizzati da dimensioni e forme tali da essere segati prevalentemente con macchine tagliablocchi.

Questa limitazione, determina un accrescimento della produzione di semilavorati sotto forma di filagne e una più ridotta generazione di lastre di medie e grandi dimensioni.

Le lastre quindi, per la loro difficoltà di reperimento, non entrano facilmente nei grandi laboratori dei marmisti, riducendone così la possibilità di realizzare prodotti finiti con alto valore aggiunto.

 Di norma, la lavorazione della pietra lavica dell’Etna, completa il suo ciclo di trasformazione all’interno della segheria/laboratorio.

Nello stesso opificio, dove si sega il blocco per trasformarlo in filagne o in lastre (segheria), si procede con le successive lavorazioni: la segagione a misura, la finitura delle superfici a vista, la sagomatura e la lucidatura delle coste.

Questi manufatti finiti, trovano applicazioni prevalentemente nell’edilizia in genere.

 Una parte della produzione di lastre, soddisfa la domanda proveniente dai laboratori per la maiolicatura, I prodotti che vengono fuori dalle sapienti mani dei ceramisti, trovano applicazione nel mercato dell’Arredamento, dell’Oggettistica, del Fuoco e del Bijoux.